Fino al 2 giugno 2013 al Chiostro del Bramante di Roma è allestita la mostra “Brueghel. Meraviglie dell’ arte fiamminga”. La mostra intende ricostruire il percorso artistico e familiare della stirpe fiamminga Brueghel, dinastia di artisti del XVI e del XVII secolo, la cui genialità ha influenzato parecchio tutta la pittura fiamminga del periodo e anche l’ evoluzione dell’ arte nei secoli a venire.
In mostra sono esposti i maggiori capolavori di questa dinastia: nel complesso sono cento le opere esposte, 70 dipinti e 30 disegni. Partendo dalle opere di Pieter Brueghel il Vecchio, il capostipite della dinastia (del quale la mostra mette in evidenza il rapporto artistico con Hieronymus Bosch), l’ esposizione prosegue tratteggiando l’ evoluzione della storia familiare e artistica della dinastia Brueghel, nella fattispecie attraverso le figure di Pieter il Giovane e Jan il Vecchio, i figli di Pieter Brueghel il Vecchio. Pieter il Giovane e Jan il Vecchio continuarono il percorso intrapreso dal padre nell’ arte, senza tuttavia replicarlo fedelmente, ma personalizzandolo con i propri gusti e le proprie inclinazioni. La mostra illustra quindi la produzione artistica dei figli dei figli del capostipite, calandola anche nella realtà sociale e culturale del periodo.
Fra le opere esposte al Chiostro del Bramante di Roma figurano “Danza nuziale all’ aperto”, “Paesaggio invernale con cacciatori sulla neve”, “Il censimento di Betlemme” e “Predicazione di San Giovanni Battista” di Pieter Il Giovane.
La mostra è aperta dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 20:00, mentre il sabato e la domenica dalle 10:00 alle 21:00.
Il biglietto intero costa € 12.