Browsing Category

Bar/locali notturni

Ljubljana – Metelkova Mesto – uno dei più grandi centri sociali del mondo

Metelkova è un quartiere alternativo decisamente originale di Lubiana, un posto dove si va per fare serata a oltranza. È il posto più strano e sui generis che Lubiana propone al popolo della notte. Si tratta di un quartiere-centro sociale, uno squat di una decina di edifici un tempo utilizzate come caserme militari jugoslave e oggi riqualificati in maniera creativa. Dal giovedì al sabato, ogni sera il quartiere si anima di festini gremiti di giovani.

– Metelkova è un centro sociale e culturale che non ha nulla da invidiare ai locali di Berlino –

In questo immenso squat, gli edifici sono decorati da artisti locali. Le serate dove far festa sono organizzate tutti i giovedì, venerdì, sabato e talvolta persino il mercoledì. Diciamo che in linea di massima i fine settimana sono molto affollati, ma l’affluenza dipende ovvi anche dai programmi, delle proposte, dal meteo, dalla stagione. Ci si può venire dalle 21.30 in poi per bere una pinta a 2€ fuori dai locali, scambiare due chiacchiere con gli sloveni, ascoltare concerti, ballare fino al mattino.

metelkova1

Discoteche per tutti i gusti

A Metelkova se ci si trova in un locale che non è di proprio gusto, non si deve far altro che uscire e provare quello a fianco. Personalmente, vi suggerisco di cominciare le serate nel bar gay di Lubiana-Metelkova, il Tiffany , dove a seconda della serata o del momento passano praticamente tutti gli stili di musicali: jazz, Rock, Punk rock, Heavy metal, Techno, dubstep, drum&bass….

Per restare aggiornati sul programma di Metelkova durante il vostro soggiorno, visitate il sito del quartiere e consultate il calendario delle serate. Durante ii giorno la zona non è molto animata, anche se ci sono alcune gallerie d’arte, come l’ Alkatraz, e atelier d’artista  che si possono visitare, la maggior parte delle attività sono praticamente tutte chiuse. Sono dell’idea che per godere veramente della particolarità del luogo valga la pena andarci di sera, nei weekend, quando il posto è davvero vivo. Se c’è bel tempo e il clima mite, la serata inizia molto presto, già tra le nove e le dieci di sera, e allora anche chi vuole prendersi una birra dopo cena e fare due chiacchiere nella piazza di Metelkova troverà il luogo piacevole, oltre che originale.

   – Come arrivare a Metelkova –

Dal centro storico si arriva in un quarto d’ora. Percorrete tutta Trubarjeva e al bivio imboccate Metelkova Ulica a sinistra. Metelkova è proprio attaccato alla stazione ferroviaria di Lubiana, alla spianata dei musei, e a 50 m dall’ostello della gioventù Celica.

Il nome completo del quartiere è Avtonomni kulturni center Metelkova mesto.

Metelkova
Metelkova Ulica
1000 Ljubljana

Viaggio a Lisbona! Volo+Albergo dal 20 luglio tutto compreso a soli 254 euro a testa per 6 giorni!!! Itinerario di viaggio e consigli su dove ascoltare il Fado!

Uno dei modi migliori per passare una bella serata a Lisbona è senza dubbio andare in cerca di un buon locale di fado, dove ascoltare questa meravigliosa e malinconica musica tradizionale portoghese.
Avvicinarsi al fado significa conoscere meglio un pezzo di storia di Lisbona e della sua cultura più genuinamente popolare. Il fado è infatti sorto proprio a Lisbona, nei quartieri poveri a ridosso del porto (come l’ Alfama, Bica, Mouraria). Nato nell’ Ottocento, è un genere musicale ancora molto vivo e praticato a Lisbona e in tutto il Portogallo.
Il fado (la parola fado viene dal termine latino fatum, ovvero destino) articola i suoi canti e le sue melodie intorno a tematiche esistenziali tristi, che hanno a che fare con l’ indecifrabilità del destino, le amarezze e le difficoltà del vivere quotidiano, la nostalgia e i desideri spesso frustrati dell’ uomo. Assistere ad un autentico spettacolo di fado è una delle esperienze più intense che un viaggio a Lisbona possa regalare.

Che cosa aspettate?? Perché non godervi una vacanza quest’estate ascoltando le magnifiche note dei musicisti di fado! Vi proponiamo un pacchetto compreso di volo+hotel a partire da soli 254 euro a persona per 6 notti dal 20 Luglio 2015, cliccando sul link in basso potete valutare anche eventuali altre opportunità e date ad un prezzo leggermente più alto. Inoltre nel pacchetto è compreso il vostro trasporto in auto dal’albergo all’hotel e viceversa! Cliccate qui sul link riportato: Prenota qui il tuo pacchetto volo+hotel a soli 245 euro a persona per 6 notti a Lisbona!

A Lisbona ci sono diversi locali e bar di fado: posti molto piacevoli, dall’ atmosfera intima e raccolta, dove si può anche cenare durante lo spettacolo.
Il quartiere migliore in cui ascoltare il fado è senza dubbio l’ Alfama: qui è nato questo genere e qui le case di fado sono più che in altri quartieri riuscite a mantenere la propria autenticità senza scadere in proposte turistiche artificiose e senza qualità. Ad esempio alcuni buoni posti dove sentire il fado nel quartiere dell’ Alfama sono il Parreirinha de Alfama (indirizzo: beco Espanha 1), il Sr. Fado nelle vicinanze del Parreirinha, il Clube de Fado-Mário Pacheco (Rua São João Praça 92/4) e la Mesa de Frades (Rua dos Remédios 139 A).
Non che i locali di fado degli altri quartieri siano tutti da scartare, ma sicuramente sono più turistici di quelli dell’ Alfama. Nel Bairro Alto i locali di fado migliori sono l’ Adega do Ribatejo e la Tasca do Chico (entrambi in Rua Diário de Notícias) e la casa di fado A Severa (Rua das Gáveas 51).

Viaggio a Madrid: i quartieri della movida nella capitale spagnola. Locali e bar a Madrid

Uno dei più grandi piaceri di una vacanza a Madrid è senza dubbio la sua folle vita notturna: la capitale della Spagna è infatti il top in Europa quando si parla di divertimenti notturni.

Praticamente tutti i quartieri di Madrid abbondano di discoteche e locali, ma alcune zone sono particolarmente movimentate e frequentate di notte. A cominciare ad esempio dal quartiere di Malasaña con la plaza Dos de Mayo, tradizionale punto di ritrovo serale e notturno di giovani e meno giovani. Molti locali di musica rock anni Settanta e Ottanta nel quartiere di Alonso Martinez, mentre a Chueca, la zona gay, ci sono molte discoteche di musica elettronica, punk, rock, house e techno. Lavapies è un altro quartiere in cui fare tappa la notte perchè ricchissimo di discoteche, bar e locali, come anche le zone dello stadio Bernabeu e di Huertas. Meglio evitare invece la zona di Puerta del Sol: è vero che ci sono tanti locali, ma sono quasi tutti molto turistici. Eccovi invece alcuni dei locali più frequentati dai madrileni: in Calle de Barceló 11 c’ è il celebre Pacha, dove vengono organizzate le feste più pazze di Madrid; in Calle de la Cava Baja 27 troverete La Solea, locale perfetto per gli spettacoli di flamenco. Il Kathmandu, uno dei locali più trendy di Madrid si trova a Soenores de Luzon 3, mentre il frequentatissimo bar El Viajero è in Plaza de la Cebada 11.
Perfette per i divertimenti notturni anche le zone di Plaza de Santa Ana e di Calle Huertas.

Anna Blume: dove mangiare a Berlino nel quartiere di Prenzlauler Berg

 

A Berlino, nel cuore del quartiere di Prenzlauer Berg (in Kollwitzstraße 83), c’ è un locale che consiglio di non perdere se avete in programma un viaggio nella capitale tedesca. Il locale si chiama Anna Blume e il suo particolare nome viene dal titolo di una poesia dadaista.
E’ un posto ideale per la prima colazione o per il brunch: vi verrà servito di tutto (marmellate, frutta, verdure, formaggi, ottimo pane, uova).

Anche il caffè è buono, per non parlare poi delle irresistibili torte…I l servizio è perfetto e il locale ha una grande atmosfera, anche perchè ha la particolarità di essere associato ad un negozio di fiori. Inoltre i prezzi sono più che onesti. Se c’ è fila fuori (cosa molto probabile perchè Anna Blume è un locale molto frequentato) non vi scoraggiate e aspettate pazientemente che si liberi un tavolo (quando il tempo lo permette ci sono anche dei tavolini all’ aperto), perchè ne vale proprio la pena.

Dove fare colazione e mangiare qualcosa di dolce a Marrakech (Marocco): la Patisserie de Princes di Marrakech

Nei pressi della famosa piazza Jemaa-el-Fna di Marrakech in Marocco sorge una delle migliori pasticcerie della città, la Patisserie de Princes ( n. 32 di rue Bab Agnaou). E’ il posto ideale dove fare la prima colazione o dove fermarsi per un tranquillo spuntino pomeridiano quando si è stanchi del caos di Marrakech. Quando entrerete troverete parecchie api che ronzano intorno ai dolci esposti in vetrina, ma non fatevi scoraggiare da questo, perchè è tutto buonissimo e fortunatamente le api non vi seguiranno nella bella sala di degustazione che si trova in fondo alla pasticceria! Il locale, arredato all’ europea, è molto pulito e i dolcetti sono ottimi e freschissimi. Ce ne sono di tutti i tipi, sia quelli tipici marocchini sia quelli europei: sfogliatelle alla crema, dolcetti marocchini al miele, biscotti secchi, pastelle fritte, crostatine, piccoli panetti arabi con le spezie, dolci al cioccolato, insomma non c’ è che l’ imbarazzo della scelta. Non per nulla è una pasticceria molto frequentata sia dai turisti (vista l’ ottima posizione – s trova a due passi da Piazza Jeema el Fna – è impossibile non trovarla), sia dagli abitanti di Marrakech.

C’ è anche il banco gelati, ma meglio optare per i pasticcini, ne vale davvero la pena. Fra le bevande consiglio l’ ottimo latte di mandorla oppure l’ immancabile thè alla menta che in Marocco è praticamente la bevanda nazionale. Lo bevono tutti e più volte nell’ arco di una giornata, ma è solitamente molto zuccherato quindi se non amate troppo il dolce potrebbe nausearvi. Meglio quindi prendere un caffè, che comunque in Marocco viene fatto piuttosto bene. I prezzi sono assolutamente convenienti rispetto a quanto spenderemmo in Europa in una pasticceria del genere .E’ possibile anche farsi confezionare dolci da portare via: una buona idea per un regalo. patisserie-des-princes (1)

Viaggio gastronomico a Berlino: dove mangiare nei quartieri di Kreuzberg e di Friedrichschain

Berlino è una meta di viaggio molto interessante sotto diversi punti di vista, sicuramente anche sotto quello gastronomico. Al pari di altre metropoli come Londra o New York anche Berlino è un vero melting pot culturale e questa mescolanza di etnie diverse non può che influenzare anche l’ offerta gastronomica della città. I tedeschi sono inoltre grandi viaggiatori e amano sperimentare cucine differenti dalla propria, per cui un viaggio a Berlino può rivelarsi anche un piacevolissimo e speziato viaggio gastronomico.
Questo vale praticamente per tutti i quartieri di Berlino: troverete dappertutto tantissimi piccoli ristoranti e take away etnici, da quelli vietnamiti a quelli indiani, dai cinesi agli arabi. E non mancano ovviamente i ristoranti turchi, visto che a Berlino e in Germania in generale le comunità turche sono molto numerose. Ma se per il vostro viaggio avete a disposizione un budget limitato, basta scegliere i quartieri giusti per mangiare tanto e bene spendendo pochissimo: quartieri come Kreuzberg e Friedrichschain sono perfetti per chi non vuole spendere troppo restando in zone centrali, frequentatissime e molto animate di giorno come di notte.

Dove mangiare nel quartiere di Kreuzberg (il mercato) e nel quartiere di Friedrichschain

Parlando di mescolanza di etnie non si può non nominare il quartiere di Kreuzberg a Berlino: vecchio quartiere popolare abitato da molti immigrati (soprattutto turchi) è oggi uno dei quartieri più alternativi e artistici di Berlino. E’ senza dubbio anche uno dei quartieri più economici della vecchia parte ovest. Per mangiare specialità turche a prezzi bassissimi tralascio momentaneamente i ristoranti e consiglio di fare un giro al mercato turco che si tiene due volte la settimana (il martedì e il venerdì) nella zona lungo il canale, il Maybachufer. Sembra quasi di essere a Istanbul: tante bancarelle di specialità gastronomiche turche, di spezie, di frutta e verdura, di dolci (sia arabi/turchi che europei) e una gran varietà di ottimo pane arabo. Non perdete le gozleme, una specie di piadina turca ripiena di carne oppure di feta e di spinaci. Costa solo 1,50 euro al pezzo e oltre ad essere buonissima è molto ricca e sostanziosa.images (1)
Se invece di mangiare al volo al mercato passeggiando fra le bancarelle preferite sedervi a consumare un vero e proprio pasto, allora sempre a Kreuzberg troverete ogni sorta di ristorante etnico: ce ne sono tantissimi in Adalbertstrasse e soprattutto in Oranienstrasse.

Un ottimo quartiere dove mangiare è anche Friedrichschain, poco distante da Kreuzberg (fermata della metro Warschauer). Le sue vie pullulano di ristoranti etnici, non c’ è che l’ imbarazzo della scelta. Se non sapete dove andare vi consiglio il ristorante Meyman (Krossener Strasse 11A). Questo piccolo ristorantino è un ottimo posto dove mangiare per vari motivi: anzitutto il buon rapporto qualità/prezzo e poi l’ offerta molto ampia e variegata del menu. Non sono infatti tanti i locali di Berlino a proporre piatti di cucine diverse, di solito ogni ristorante si specializza in un solo tipo di cucina. Il Meyman invece propone insieme a piatti tipici arabi (le classiche falafel, il cous cous, le insalate alla salsa di yogurt, il panino shawarma, una sorta di rivisitazione del kebap) anche specialità mediterranee ben cucinate e servite in porzioni abbondanti. Il che non è male considerando che dopo un pò mangiare sempre etnico può stancare: se avete voglia di sapori più semplici e vicini alla nostra cucina allora al Meyman potrete ordinare una zuppa o un bel sformato di verdure (ce ne sono diversi: ottimo quello con gli spinaci, i broccoletti, il gorgonzola e i funghetti).

Dove dormire in vacanza a Valencia: l’ ostello di lusso Room Deluxe

Valencia è una delle città della Spagna più all’avanguardia, sempre in linea con le nuove tendenze. Alternativa e vivace, questa città offre anche parecchie soluzioni interessanti per soggiornare senza spendere grosse cifre. A chi ha in programma un viaggio a Valencia consiglio ad esempio il Room Deluxe, primo ostello di lusso aperto in questa città spagnola. Si trova al numero 20 di Avenida Instituto Obrero (siamo nei pressi delle Città delle Arti e delle Scienze) ed è un ostello praticamente creato dagli artisti, nel senso che le 28 stanze sono state arredate e decorate da altrettanti artisti diversi. Ogni artista per arredare la “propria” camera ha seguito un filone tematico ben preciso, di conseguenza tutte le camere sono differenti l’una dall’ altra. C’ è la stanza Marilyn (in onore di Marilyn Monroe, ovviamente), la stanza Buddista, la stanza piscina (dove sembra di essere davvero sott’ acqua), la stanza della Città delle Arti e delle Scienze, la stanza in stile spagnolo e mediterraneo, la stanza del Bosco Incantato, la stanza piscina e ancora le stanze ispirate alle città (la stanza Parigi, la stanza Berlino Est e la stanza New York), tanto per citare solo le più significative. Di grande gusto estetico ed artistico, il Rooms Deluxe Hostel di Valencia è un ostello da non perdere anche non solo per la sua originalità, ma anche per il buon rapporto qualità/prezzo.

Dove dormire in ostello a Stoccolma: lo Skanstulls Vendrarhem nel quartiere di SoFo

A chi ha in programma un viaggio a Stoccolma consiglio di soggiornare in un ostello boutique del vivace quartiere di Södermalm (noto con il nomignolo di SoFo), lo Skanstulls Vendrarhem. La capitale di Svezia può infatti essere piuttosto cara in fatto di soggiorni in hotel e alberghi, quindi meglio optare per un buon ostello. E lo Skanstulls è uno dei migliori ostelli di Stoccolma, oltre ad essere molto economico per gli standard di questa capitale europea (camere a partire da 21 euro).
Si trova a soli 150 metri di distanza dalla stazione della metropolitana Skanstulls ed è un vero e proprio ostello boutique, dal design moderno e accattivante: dimenticatevi gli ostelli freddi, impersonali e senza atmosfera, lo Skanstulls Vendrarhem non è uno di questi. Camere e spazi comuni sono ben arredati, c’ è un’ ampia cucina per chi vuole mangiare in ostello e il personale è gentile e disponibile. Ci sono anche diversi computer a disposizione degli ospiti. Nel complesso un ottimo ostello dal buon rapporto qualità-prezzo.