In lingua thai Bangkok significa “città degli angeli”: un nome che di primo acchito potrebbe risultare non molto appropriato, visto che la capitale della Thailandia è una frenetica metropoli con all’ incirca dieci milioni di abitanti. Una città trafficatissima (e piuttosto inquinata) che non si ferma mai. Appena arrivati si resta frastornati dal continuo via vai di locali e turisti che si spostano utilizzando i mezzi più disparati: bici, taxi, tuk tuk a tre ruote oppure i tradizionali barconi alimentati da motori di auto, i cosiddetti long tail boat. Ricca di alberghi, ristoranti, coffee shop, vivacissimi mercati ed enormi centri commerciali, Bangkok è a prima vista quanto di più lontano si possa immaginare da una città rilassante e vivibile. In realtà, ad una visita più approfondita, non sarà difficile accorgersi che il nome città degli angeli ben si adatta a questa grande capitale dalle mille sfaccettature. Traffico, smog e centri commeciali sono alcune delle caratteristiche di Bangkok, quelle che parlano di modernità e consumismo. Ma Bangkok è anche una città che custodisce gelosamente il suo antico patrimonio culturale e le sue radici: il lato più tradizionale di questa città vi farà scoprire musei, templi, angoli tranquilli e i mercati caratteristici della cultura thai.

Cosa visitare a Bangkok: templi e palazzi

Adagiata sulle sponde del fiume Chao Phraya, Bangokok è una città ricca di templi e palazzi molto antichi, rimasti a testimonianza della cultura e della religione thai. Se volete visitare la parte più antica e interessante di Bangkok andate al quartiere di Ratanakosin,ad est del fiume. In questo quartiere sorge il Palazzo Reale, un imponente complesso architettonico che racchiude all’ interno di grandi muraglioni splendidi templi e palazzi attorniati da aree verdi e giardini. Le meraviglie qui si sprecano: i palazzi e i templi abbondano di particolari e decorazioni curatissime come maioliche variopinte, mosaici d’ oro, statue bronzee raffiguranti varie divinità e mostri, affreschi nei portici.
Fra le statue spicca in particolare quella del Buddha di Smeraldo, che si trova nella cappella reale del Grande Palazzo (il Wat Phra Kaeo). Poco distante dal Palazzo Reale visitate anche il tempio più grande della Thailandia, ovvero il Wat Pho, famoso per la sua enorme statua d’ oro di un Buddha (è lunga circa 45 metri!).
Per vedere una delle zone più belle e caratteristiche di Bangkok prendete una barca e andate anche nella zona di Thon Buri, che si trova sull’ altra riva del Chao Phraya.
Poco turistico e molto suggestivo per via dei vari canali che lo attraversano, questo quartiere offre anche un’ attrazione imperdibile, ovvero il Wat Arun, il Tempio con la celebre torre alta 82 metri.

I mercati di Bangkok
Una delle cose più divertenti da fare a Bangkok è senza dubbio girare per i suoi mercati. Non c’ è che l’ imbarazzo della scelta: la capitale thailandese è ricca di mercati molto vivaci, colorati ed economici, sparsi soprattutto nella parte vecchia. Uno dei più famosi è il mercato notturno di Patpong, mentre nel fine settimana si può visitare il grande mercato delle pulci di Chatuchak.
Alti mercati da non perdere sono il mercato galleggiante di Damnoen Saduak e il Pak Khlong Market, un grandissimo mercato di fiori, frutta e verdura locali.