Praga è una città che, soprattutto se visitata liberamente al di fuori dei classici itinerari turistici, può offrire parecchie sorprese. Ad esempio i musei. Oltre ai musei principali più conosciuti dai turisti in viaggio a Praga, la capitale ceca ha infatti anche parecchi interessantissimi musei cosiddetti “minori”, nel senso che sono poco conosciuti e un pò di nicchia, ma non per questo meno degni di essere visitati.
Se avete in programma un viaggio a Praga consiglio ad esempio di non perdere il museo del Comunismo: vista l’ importanza che il regime comunista (caduto nel 1989) ha avuto nella storia della città, è tutt’ altro che un museo minore nel senso stretto del termine. Meno seri, ma non meno interessanti altri due musei minori di Praga, il museo delle Marionette e il museo del giocattolo. Il primo si trova a Staré Mesto e raccoglie alcune delle marionette di maggior qualità del mondo. Del resto le marionette sono probabilmente i prodotti artigianali più belli di Praga e hanno alle spalle una lunga storia: venivano realizzate già nel Settecento. Tornare da un viaggio a Praga con una marionetta come regalo o souvenir è una consuetudine fra i turisti. Molto belle, queste marionette sono completamente fatte a mano e intagliate nel legno; solitamente vengono vestite con abiti di stoffa colorata. Il museo del giocattolo invece si trova a Malá Strana ed espone una ricchissima collezione di giocattoli (fra cui una collezione di Barbie), anche molto antichi (ci sono giochi perfino dell’ antica Grecia).
Ingiustamente poco conosciuto anche il museo Mucha, dedicato al celebre artista liberty Alphonse Mucha (1860-1939). Lo stile artistico di Mucha, che a Praga aveva il nome di Secessione (ovvero lo stile liberty in Italia e l’ Art Nouveau in Francia), ha cambiato letteralmente l’ aspetto estetico delle case e degli edifici pubblici della città.
Un altro museo non molto noto è il museo delle Campane, che espone esemplari di campane delle torri di Praga e ne illustra le tecniche di produzione. Un museo che ha un suo perchè, visto che a Praga e nella Repubblica Ceca in generale un tempo era molto diffusa l’ arte della costruzione e decorazione delle campane.